Che cosa è la videopoesia? Per noi è l’esplosione di un confine, quello del libro come luogo privilegiato per l’espressione poetica, quelli del “clip” come spot o come videoclip musicale. Così la videopoesia è un luogo figurato che racconta la sperimentazione ai confini tra i linguaggi delle arti visive e della parola, in cui le leggi posso persino essere capovolte.

DOCTORCLIP è il primo festival italiano di videopoesia, un appuntamento biennale dedicato all’esplorazione dei territori di confine della parola poetica e delle arti visive. Le migliori opere pervenute da ogni angolo del mondo si misurano e sono giudicate da una giuria internazionale che assegna il Doctorclip Award.

DOCTORCLIP è un festival ibrido: tre giorni per affermare che una linea di confine, specialmente nel mondo dell’arte, nell’istante in cui viene tracciata, contiene in sé la propria cancellazione, che la deflagrazione è già in atto al momento della definizione di un “proprio” non contaminato dall’“altro” (arte visiva, video, musica). La contaminazione diventa oggi condizione per la sopravvivenza di un’identità della parola poetica, non più univoca ma multiforme, caleidoscopica.